Francesca: vestiti di fiori

vestito_dropsofprimroses

Ve la ricordate FRANCESCA? L’ultima volta ci aveva rivelato che la sua amica Antonella si sposa e le ha chiesto di farle da TESTIMONE. Ancora prima Francesca ci aveva aperto le porte di casa sua e mostrato il contenuto della sua BORSA.

I matrimoni di maggio sono i più romantici. E cosa c’è di più ROMANTICO e delicato di una FANTASIA a fiori? Certo non tutti i vestiti sono uguali e non ci si sente bene con qualsiasi cosa addosso. Francesca si è sentita subito a suo agio nelle forme DOLCI di questo abito, ma soprattutto i fiorellini

 

Nel corso degli anni ho imparato che ciò che è importante in un vestito è la donna che lo indossa. Yves Saint Laurent

Ognuno di noi ha un rapporto DIVERSO col proprio corpo, un rapporto che cambia col tempo, con le STAGIONI, con l’umore e questo vale anche per Francesca. Grazie allo YOGA (in questo periodo quando non ha tempo di andare in palestra segue i video di ADRIENE su YouTube) è più consapevole e a suo AGIO nel suo corpo. Lo ascolta, si RIPOSA, cerca di metterlo in valore. Si sente come un tutt’uno: un’unione di corpo e anima.

todolist_dropsofprimroses

 

 

Trovato il vestito, Francesca si era ILLUSA di non avere altro da fare ed invece…mancano le SCARPE!!!

Se vuoi restare in contatto con Drops Of Primroses le PRIMULE più recenti le trovi qui!

 

La prossima avventura di Francesca sarà online il mese prossimo!!

I viaggi profumati…

…da dove vengono i fiori?

Come anticipato lunedì, inauguriamo oggi la rubrica Insipirational Book Escape, ovvero sfogliando le pagine si scoprono mondi nuovi. Un appuntamento mensile in cui entriamo nel mondo incredibile di un libro, giriamo le pagine, ammiriamo le illustrazioni, lo facciamo nostro e ripartiamo

Ogni tanto, ammirando la bellezza di un FIORE, mi perdo a fantasticare sulla sua origine. Ma sarà sempre stata qui? Chi avrà visto questa bellezza per la prima volta? Finalmente queste mie domande hanno trovato risposta. Per alcuni fiori resta il mistero, ma per altri la VERA storia del loro arrivo in Europa è quasi più FANTASTICA di quella che mi ero inventata io! Come spesso succede il mistero viene svelato in un libro per bambini che mi CHIAMAVA dalla vetrina di una libreria INDIPENDENTE poco lontano da casa mia.

 

“Les voyages parfumés – petites et grandes histoires des fleurs venues d’ailleurs”,

scritto da Dimitri Delmas ed illustrato da Amélie Fontaine.

Per ora non esiste una versione italiana di questo libro, ma un’opera che s’intitola “I viaggi profumati- grandi e piccole storie dei fiori venuti d’altrove” merita di essere diffusa anche solo per il titolo.

Seguire il viaggio che alcuni fiori hanno fatto per arrivare in Europa ci fa capire quanto sia collegato il mondo, quanta ricchezza, bellezza arrivi grazie allo scambio fra culture diverse e quante risposte si possono trovare nei fiori… Non vi svelerò tutti i viaggi di questo libro, ma solo qualche curiosità su due delle piante che si trovano sul mio balcone: la passiflora e il gelsomino.  Cominciamo...

IMG_20170810_171529-01.jpegIl GELSOMINO è originario dell’India e arriva in Francia, più precisamente, a Grasse la città dei profumi, nel 1560 e diventa subito un ingrediente essenziale nella composizione dei profumi. Non sapevo esistessero più di 200 varietà di gelsomino e che con sette milioni di fiori si produce solamente un litro di essenza di gelsomino! Io resto affascinata dai suoi fiori così piccoli e delicati, ma con un profumo così deciso e inebriante

La PASSIFLORA ha due nomi: passiflora e fiore della passione ed è una liana che può arrivare ai 15 metri di lunghezza. La sua zona d’origine è l’America Latina e sono i conquistatori spagnoli a farla conoscere in Europa nel XVI secolo. I popoli dell’America Latina la coltivavano per le sue virtù medicali e per il suo frutto. I missionari gesuiti vedono in questo fiore il simbolo della passione di Gesù, i fili attorno al pistillo rappresenterebbero ad esempio la corona di spine…  Oltre ai suoi bellissimi fiori, la passiflora ci regala anche il frutto della passione, il maracuja buono quant’è bello il fiore! Quella che cresce sul mio balcone è la passiflora morifolia e la prima volta che ha aperto un fiore io ho chiamato e inviato foto a tutti quasi fosse nato un bambino! L’unico rammarico è che questa prima stagione non abbiamo avuto frutti, non ci sono abbastanza api qui a Parigi…speriamo l’anno prossimo! IMG_20170615_124332-01.jpeg

Il bello di questo libro sta nell’armonia fra illustrazioni e parole, mostra le piante che imbelliscono il nostro quotidiano sotto un’altra luce. Scopriamo chi dobbiamo ringraziare per avercele fatte conoscere, il viaggio che hanno fatto per arrivare fino in Europa, chi le ha amate e quanta magia… È un libro per bambini che, come spesso succede, piace tanto anche i grandi e che bello disegnare assieme le avventure del Syzygium aromaticum!

Avete voglia di continuare il viaggio? Di quale pianta vorreste conoscere l’origine? Tulipano, aloe vera, zafferano, rosa, orchidea, mandragola, bougainvillea, papavero… O ancora me la raccontate voi una storia?

L’inspirational book escape torna in novembre con un libro da leggere e da ammirare, CURIOSI? Abbonatevi al blog per non perdervelo!

 

Tutte le informazioni sulla passiflora e sul gelsomino sono tratte dal libro Les voyages parfumés di Delmas e Fontaine edito da ACTE SUD junior.

 

 

 

Inspirational Escape: Giverny

Ovvermo come I(N)SPIRARE la bellezza

Spesso basta uscire di casa e la bellezza è già lì, davanti ai nostri occhi. A volte però è bello andarla a cercare, preparare lo zaino, salire sul treno e…

alessia_giuliani_giverny_flower

La mia più recente #inspirationalescape è stata a Giverny. Forse il nome di questo paesino della Normandia  non vi dirà molto, ma sono certa che anche voi siate rimasti senza fiato davanti alle ninfee di Monet. Ecco, le ninfee originali sono a Giverny. No, non i quadri, ma le ninfee quelle vere, che vivono nell’acqua e hanno dei colori sorprendenti.

alessia_giuliani_giverny_ninfee

La casa-giardino di Monet è per me un esempio di realizzazione di un progetto. Sicuramente in periodi diversi della sua vita Monet ha vissuto in catapecchie, non ha avuto soldi per mangiare o pagare l’affitto (in più del non essere riconosciuto come artista), ma poi ce l’ha fatta! Ha trovato la casa con il terreno che facevano al caso suo, si è rimboccato le maniche e…ha dato forma al suo sogno. Che emozione entrare nella sua casa! La sala da pranzo è di un giallo inatteso, che la rende delicata e luminosa, fa venir voglia di sedersi per uno di quei pranzi interminabili fatti di risate e conversazioni interessanti. La vista dalle finestre è un ritratto della natura, un quadro che cambia e stupisce ogni giorno, un rimedio fidato contro la mancanza d’ispirazione. E poi c’è il giardino… un insieme di colori, di profumi, di altezze e di universi così diversi fra loro che ci si sente quasi sopraffatti. Mi sono soffermata ad ammirare una campanula fiorita a metà, il lavoro di un’ape, il rumore dello scorrere dell’acqua e l’intreccio di una rosa.

alessia_giuliani_giverny.jpegEcco questa fuga è stata per me un’ispirazione, ma anche un’ inspirazione. Ho respirato bellezza a pieni polmoni, non solo con gli occhi. Non so quali frutti darà, ma ora è parte di me e la libererò a piccoli respiri. Per me le #inspirationalescapes sono ossigeno puro, cerco di non trascurarle, sono il mio rimedio fai da te per fare il pieno di bellezza.

 

Voi come i(n)spirate la bellezza? Ve la concedete una #inspirationalescape ogni tanto?