Storia di un cerchio aperto

Ovvero vacanze e ritorno

Quest’anno ho fatto più vacanze del solito. Ora che ho un lavoro non tradizionale sono partita per quasi 20 giorni. SONO IMPAZZITA? Un pochino di sicuro. La lista delle cose da iniziare, migliorare, concludere da qui alla fine dell’anno è lunghissima e in vacanza non si è accorciata.

drops_of_fichi.jpeg

“E sei riuscita comunque a rilassarti?”

A dir la verità…sì e molto!

“Come hai fatto?”

Gli ingredienti essenziali sono stati:

  • un agriturismo in Calabria in mezzo al nulla;
  • aria aperta, sole e tranquillità;
  • no auto, no pc e poca connessione;
  • nessuna incombenza domestica e orario;
  • tanta natura e poche persone;
  • libri e internazionale.

Forse proprio a causa (o per merito) del periodo intenso appena cominciato (e che segue quello pre-vacanze) mi serviva una pausa vera: STACCARE DA TUTTO. Alleggerire la mente, rallentare il ritmo di ogni cosa per riprendere con nuova energia.

drops_of_letters.jpg

Confesso però che ero partita con un programma fitto fitto per lavorare anche in vacanza. Avevo portato tutto: colori, penne, carta, teche, matite, buste e tante idee. Poi la bellezza dei luoghi, del lasciare la mente vagare e la riscoperta del DOLCE FAR NIENTE mi hanno conquistata e… non ho opposto resistenza.

Quindi il mio piccolo consiglio (di poco valore) è: accordatevi delle pause VERE, anche brevi, in cui dare libero sfogo ai piccoli rituali che fanno bene, quei piccoli lussi che non vi concedete da un po’.

Così è arrivato SETTEMBRE e con lui la lista degli obiettivi da raggiungere. La novità è che finalmente parliamo di cose CONCRETE. Se agosto è stato il mese delle sfide, settembre sarà forse quello del raggiungimento dei piccoli traguardi?

drops_of_tramonto

Settembre è il mese in cui mando in stampa le mie creazioni, quello in cui guarderò la cassetta delle lettere con ancora più insistenza e toccherò con mano i risultati finali. Chissà quante prove ci vorranno per far scoccare la scintilla…

A questo mese chiedo tanta forza di volontà e coraggio così da non abbattermi per gli inevitabili intoppi, ritardi e imprevisti. L’energia, le idee e la voglia ci sono quindi… se son primule fioriranno! E voi, cosa avete chiesto a questo mese? Un regalo? Un segno? Una lettera? Il mio orecchio è sempre qui. 

SUMMER is a STATE of MIND

Ovvero: viva l’estate!

L’ESTATE è per molti la stagione più attesa, è sinonimo di libertà! I bambini vivono all’aperto, non hanno i ritmi della scuola e inventano nuovi giochi. Durante le lunghe e calde giornate modifichiamo le nostre abitudini anche quelle alimentari, ci basta un po’ di abbronzatura e ci vediamo subito più belli, scopriamo i nostri piedi (e spesso anche la pancia) e il piacere delle passeggiate serali…

Assaporare il ritmo lento delle stagioni, che si confondono piano piano l’una nell’altra e..si scoprono i frutti senza aver visto i fiori…

summerisastateofmind_dropsofprimroses

L’estate è la stagione dell’accettarsi. Dell’accettare il proprio corpo con o senza chili di troppo, con o senza peli, con o senza seno, con o senza smalto, con o senza abbronzatura, con o senza tatuaggi, con o senza smagliature, con o senza capillari rotti. Dell’accettare chi si è con o senza progetti, con o senza sicurezze, con o senza paure, con o senza giudizi. Dell’accettare che siamo un tutt’uno, che corpo e anima sono legati, si tengono la mano e si sostengono a vicenda…

L’estate è la stagione dei bilanci. Ho fatto quello che volevo in questi mesi? Sono stata felice? Mi sono ascoltata? Ho commesso gli stessi errori di sempre o ne ho inventati di nuovi? Cosa voglio fare nei prossimi mesi? Mi sono comportata con gli altri come avrei voluto? Ho dimostrato la mia gratitudine? Mi sono fatta influenzare dagli altri?

summer_drops_of_primroses

L’estate è la stagione del capire. Come si legge una meridiana? Come si dice “amico” in arabo? Come s’impara a scrivere? Come finirà questo libro? Ma anche, chi sono oggi è chi voglio essere? Dove posso migliorare? Riesco ad esprimere quello che voglio?

 

Non ci si annoia d’estate: si fa una pausa, ci si diverte, ci si ascolta e si riparte più coscienti di se stessi per affrontare fieri quello che arriverà…

Io il bilancio di questo anno di cambiamenti lo farò qui.

E voi? Dove sarete questa estate? Sono curiosa!!!