Era una stradina molto colorata

Le finestre della Casa Molto Carina si affacciano su due strade diverse. Una MOLTO CARINA, tranquilla, poco trafficata, in cui si può camminare in mezzo alla carreggiata anche quando si è distratti e un’altra più COLORATA, confusionaria, dove PROFUMI di vari paesi si mescolano creando fragranze inaspettate. Della stradina MOLTO CARINA ve ne avevo parlato qui, oggi la PROTAGONISTA è la stradina MOLTO COLORATA.

Per una come me che, prima di abitare a Parigi viveva a Marsiglia, la stradina MOLTO COLORATA non può che ricordare…i negozi PROFUMATI, stra-pieni e infinitamente colorati della rue d’Aubagne. Sapone d’Aleppo, spezie, frutta secca, vestiti, detersivi, servizi da tè, couscoussiere, piatti dipinti a mano in Tunisia, guanti per hammam

La stradina MOLTO COLORATA non si alza presto la mattina, ma va a dormire tardi la sera. La strada MOLTO COLORATA può essere molto profumata, ma anche molto poco pulita. Nella stradina MOLTO COLORATA puoi trovare TUTTO tranne i fiammiferi. La strada MOLTO COLORATA è un po’ come una strada di PAESE, gli anziani sanno chi sei, dove abiti, se hai ospiti o meno e soprattutto capiscono al volo che sei italiana!

La stradina MOLTO COLORATA ha solo un difetto, ma per me è un difetto difficile da accettare: è piena di MACELLERIE. Allora…non dimenticarti la finestra APERTA quando stanno arrostendo i polli o se hai il naso sensibile sarà la fine!

Ma la cosa che mi piace di più della stradina MOLTO COLORATA è davvero il suo essere COLORATA: un tripudio di tessuti che brillano, frutta dalle sfumature inaspettate, profumi che diventano colori e persone di origine, età e sensibilità così diverse da diventare COLORATE!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s